La lavanda

La lavanda

Una delle caratteristiche dell’Alta Provenza è quella di coltivare la lavanda di qualità. La « vera » chiamata anche « fine » che cresceva un tempo allo stato selvaggio, e che è ora raccolta, beneficia dal 1981 di un marchio AOC: «olio essenziale di lavanda di Alta Provenza ».

Nel paese

Esiste una grande diversità di paesaggi dovuta alle variazioni morfologiche del territorio e alla storia della coltura della lavanda.

Coltura della lavanda detta a piana: il paesaggio si caratterizza con la presenza di piane ondulate, di spazi aperti, di orizzonti grandiosi da dove si stagliano curve e interruzioni del suolo e del rilievo. La piana di Valensole ne è un ottimo esempio.

La lavanda di altitudine si trova nelle alte valli dai rilievi marcati, dal clima rigoroso, su terre poco fertili. La si trova nel territorio di Digne.

Coltura della lavanda detta a mosaico è situata piuttosto in media montagna su terreno arido. Qui la lavanda è stata impiantata volontariamente per mischiarsi alle colture tradizionali dell’Alta Provenza (ulivi, vigne, piante aromatiche, ecc.).Banon e Simiane la Rotonde nel territorio di Forcalquier illustrano a meraviglia questo tipo di paesaggio.

Le strade

La piana di Valensole è forse il luogo più emblematico della coltivazione della lavanda.
Le Strade della lavanda di oggi, vi portano, nel susseguirsi delle stagioni, alla scoperta di un tesoro emblematico dell’ Alta Provenza.

Dal Vercors al Lubéron, dalla Drôme al Verdon, dalle Alte Alpi alle Baronnies, dappertutto vi racconteranno una storia, una memoria, un savoir-faire, un’economia…

Per avere più informazioni, vi consigliamo di visitare il sito Internet delle Routes de la lavande (en francese)

In festa!

Numerose sono le feste che celebrano durante il periodo della raccolta (luglio e agosto):

  • La festa della lavanda a Valensole;
  • La lavanda in festa a Esparron-du-Verdon;
  • La festa della lavanda e del miele a Riez;
  • Le giornate della lavanda a Digne-les-Bains;
  • La festa della lavanda a Barrême;
  • La festa della lavanda a Thorame basse.

Lavanda o lavandina?

LavandeIl periodo di fioritura va da fine giugno a fine agosto e la lavanda è raccolta generalmente a partire dalla seconda metà del mese di luglio fino alla fine del mese di agosto.

Esistono due specie di lavanda coltivate in Provenza: la lavanda e la lavandina.
La lavanda vera detta anche fine (Lavandula angustifolia) è la più nobile delle lavande per la qualità dell’olio essenziale estratto. La si trova generalmente tre 500 e 1500 metri di altitudine, sui versanti soleggiati delle montagne di Provenza.

La lavandina è un ibride di lavanda vera e di lavanda aspic. Si sviluppa facilmente in ambiente naturale ma la si trova essenzialmente coltivata sulla piana di Valensole

Le proprietà e gli usi

è usata per la produzione di oli essenziali.
L’olio essenziale di lavanda è impiegato in profumeria, in cosmesi e in aromaterapia, per le sue virtù calmanti. In medicina è riconosciuta come un potente antisettico, disinfettante e cicatrizzante. Le si attribuiscono anche proprietà antitarme e antipidocchi. È altrettanto raccomandata per combattere l’ansia, il nervosismo, l’insonnia, i reumatismi e le infezioni delle vie respiratorie. Viene anche usata in gastronomia, per produrre per esempio miele di lavanda.

Opuscolo Le mag découvertes (in francese)

couv-mag-decouverte

Visualizzare mag découvertes des Alpes de Haute-Provence
sur calameo
Scaricare le mag découvertes des Alpes de Haute-Provence